Fondazione Querini Stampalia, in collaborazione con White Cube ha invitato l’artista danese-vietnamita Danh Vo a curare insieme a Chiara Bertola, responsabile del..." />

Danh Vo, Isamu Noguchi, Park Seo-Bo

Fondazione Querini Stampalia in collaborazione con White Cube

Fondazione Querini Stampalia, in collaborazione con White Cube ha invitato l’artista danese-vietnamita Danh Vo a curare insieme a Chiara Bertola, responsabile del programma d’arte contemporanea dell’istituzione, un progetto espositivo in occasione della Biennale di Venezia di quest’anno. Le sue opere, insieme a quelle dello scultore statunitense di origini giapponesi Isamu Noguchi e del pittore coreano Park Seo-Bo, instaurano un complesso dialogo tra di loro all’interno degli spazi di questo straordinario edificio.

La storia della Fondazione Querini Stampalia è anche quella della nobile famiglia veneziana, i Querini, che vissero in questo palazzo per generazioni, accumulando una vasta raccolta di oggetti, libri e opere d’arte. Questa collezione è messa a disposizione di tutti con la nascita della Fondazione nel 1869. Il complesso impianto architettonico spalanca continue finestre sul tempo. Ogni piano segnala una nuova epoca nella quale si sono iscritti, sovrapposti o cancellati i diversi momenti della storia della famiglia e dell’istituzione. Lo spazio, audace e umile a un tempo, è un’esperienza labirintica che mostra gli esuberi, gli eccessi, le sovrapposizioni, con gesti minimali o grandiosi, delle generazioni che vi si sono susseguite.

Chi meglio di Danh Vo poteva varcare quella soglia? In quanto artista Vo è capace di far germinare nuova vita dalla nebbia della memoria e dal peso della storia. Il suo lavoro con gli oggetti e con gli spazi architettonici rivela una sensibilità verso il tempo in quanto elemento connesso con ognuno di noi. Vo riutilizza costantemente il proprio lavoro, immettendo i progetti passati in nuovi ambienti e significati e alterando la percezione del visitatore. L’arte di Vo, assieme alla storia, si inscrive all’interno di spazi e culture distinte, realizzando una difficile danza con la bellezza e il potere.

Vo entra nella Fondazione mediante una porta laterale e i suoi passi seguono un sottile percorso concettuale. È questo un modo per interrogarsi sulle fragili e difficili questioni che si aprono ogni qual volta un artista contemporaneo espone il proprio lavoro in un museo antico. Cosa si aggiunge? Quale confronto o equilibrio si può raggiungere? Come infondere nuova vita o contrapporsi alla vecchia? L’artista ha creato luci e pareti temporanee, agili strutture che indicano una strada e al contempo mostrano l’evoluzione dello spazio. Relazionandosi con la preziosa raccolta di arte antica della Fondazione e della Collezione Intesa Sanpaolo, Vo introduce i lavori propri e quelli degli artisti moderni Isamu Noguchi e Park Seo-Bo.

A segnare questo percorso effimero all'interno della Fondazione sono i ritratti fotografici dei fiori nel giardino di Vo a Güldenhof - il suo studio e fattoria a nord di Berlino - nei giardini di Pantelleria, della Danimarca, del Friuli e di Siviglia. Le fotografie sono scattate con lo smartphone, le immagini sono stampate a colori con i nomi latini scritti in bella calligrafia a matita dal padre dell'artista, Phung Vo. Questi lavori trasmettono una delicata soggettività e rievocano le pagine di un’enciclopedia. Emigrato dal Vietnam e ora cittadino danese, Phung partecipa ai rituali di sistematizzazione dell'Occidente appropriandosi delle sue parole. In una nuova serie di sculture realizzate a Murano, Venezia, Vo ha utilizzato degli stampi di legno dismessi per creare una colata di vetro finale. Le costruzioni in legno di pero - carbonizzate, deformate, con fissaggi rotti – avrebbero dovute essere scartate, ma Vo, affascinato dalla loro forma e dall'idea che una parte così vitale del processo di fabbricazione del vetro venga raramente esposta, ha deciso di portarle in mostra. Nel presentare questi stampi deformati e alterati insieme ai loro calchi imperfetti, Vo riflette sul rapporto tra funzione e bellezza attraverso questa forma d'arte secolare.

Negli spazi della Fondazione Querini Stampalia, Vo introduce un’ampia selezione di lampade di carta ‘Akari’ dell’artista Isamu Noguchi, che illuminano gli oggetti e le decorazioni tutt’intorno e diventano esse stesse il centro della percezione. Il lavoro di Noguchi comporta un tipo di scultura sociale che può essere applicata universalmente, fondata sull’idea della natura come elemento di fondamentale importanza per la condizione umana. Le sue iconiche lampade ‘Akari’ [dal giapponese, “luce”], concepite nel 1951 nel corso di un viaggio a Hiroshima, richiamano le lanterne chochin giapponesi e sono influenzate dall’estetica del design americano. La loro struttura in carta, ricavata dall’albero di gelso, si presta alla creazione di una moltitudine di forme differenti ed è un esempio lampante della capacità di Noguchi di connettere tradizione e modernità.

Park Seo-Bo è ampiamente riconosciuto come iniziatore del movimento artistico coreano Dansaekhwa. Minimalista e monocromatico, questo influente movimento del dopoguerra si allinea al Modernismo occidentale nella rinuncia al pittorico. Piuttosto che tentare una rottura e un ripudio del passato, tuttavia, Dansaekhwa ha cercato una connessione con la storia attraverso pratiche culturali come la calligrafia e l'uso della carta Hanji e attraverso tradizioni spirituali tra cui il taoismo, il confucianesimo e il buddismo. La pratica meditativa di Park raggiunge il minimalismo non attraverso la riduzione, ma attraverso la stratificazione e l'accrescimento, tramite azioni ripetute e sostenute. Il raffinato vocabolario materico e gli idiomi calligrafici di Park sono in sintonia sia con le lampade di carta ‘Akari’ di Noguchi che con la calligrafia di Phung Vo.

Oltre ad essere una sede museale, la Fondazione Querini Stampalia è una delle biblioteche di riferimento della città. Non è una coincidenza quindi che Danh Vo porti qui il suo lavoro come una sorta di archivio vivente che cambia ogni volta che lo espone. Vo, Noguchi e Park Seo-Bo sono ospiti e intrusi che alterano le nostre percezioni di oggetti e opere che altrimenti sarebbero fissi e ordinati. Ogni opera illumina lo sguardo di chi è capace di vedere. Forse è vero anche il contrario: ogni sguardo porta all'opera una scintilla di luce e di vita.

TAG: fondazionequerinistampalia, whitecube, danhvo, isamunoguchi, parkseobo, arte, art, venezia

dal 20 aprile 2022 al 27 novembre 2022

Fondazione Querini Stampalia
, Santa Maria Formosa Castello 5252 , Venezia , VE , Veneto , Italia

Belmond. Mitico

Per la stagione 2022, Belmond ha avviato una collaborazione con una delle più importanti gallerie di arte contemporanea a livello internazionale, Galleria Contin... Leggi Tutto

Carlo Levi e Pasolini: una idea di realtà. Il magistero perlopiù inesplorato di Carlo Levi nella nostra narrativa

Il giorno 25 maggio 2022 alle ore 18.00, la Fondazione Carlo Levi presenta, negli spazi della Casa delle Letterature, la Tavola rotonda Carlo Levi e Pasolini: una idea ... Leggi Tutto

Andrea Emiliani. Un brillante futuro alle spalle. Patrimonio, territorio e alta formazione artistica

Martedì 10 maggio 2022 alle ore 18, l'ISIA di Faenza ha il piacere di ospitare la conferenza Andrea Emiliani. Un brillante futuro alle spalle. Patrimonio, territ... Leggi Tutto

Vedi tutti (174)

Contatti

ogni incontro, ogni scontro, ogni tipo di approccio con la creatività ha il potere di generare, di creare qualcosa. E' un'inclinazione all'originalità, alla novità, al cambiamento. Questo spazio, questo progetto, dà impulso alla condivisione della creatività.
Per condividere creazioni, idee, progetti scrivere a: staff@corpoacorpo.org o compilare il modulo seguente