Atipografia, progetto per l’arte contemporanea fondato da Elena Dal Molin, si accinge a riaprire le porte al pubblico negli spazi interamente rinnovati dopo un im..." />

Atipografia

Rinasce Atipografia, progetto per l'arte contemporanea ad Arzignano (Vicenza)

Atipografia, progetto per l’arte contemporanea fondato da Elena Dal Molin, si accinge a riaprire le porte al pubblico negli spazi interamente rinnovati dopo un importante lavoro di restauro e ridisegno funzionale.

L’antica tipografia arzignanese dà vita a un progetto culturale inedito, che coniuga la dimensione commerciale alla vocazione culturale, attraverso la duplice azione di una associazione culturale e di una galleria commerciale. Questa dimensione ibrida integra e completa il lavoro che Elena Dal Molin ha condotto per anni a sostegno e sviluppo delle arti e degli artisti, dando vita a un crocevia del contemporaneo nel cuore del Nord-Est.  

La nuova identità si colloca nel segno della prosecuzione di luogo per gli artisti, per le persone e per le idee che da sempre Atipografia ha voluto disegnare.

Se da una parte infatti prosegue l’attività storica dell’Associazione, iniziata nel 2014 come no-profit per residenze d’artista e progetti site-specific, dall’altra in questa nuova configurazione l’apertura della galleria d’arte contemporanea proporrà una nuova stagione di progetti espositivi e una propria scuderia di artisti di diverse generazioni e provenienza geografica.

Il progetto di Atipografia riprende così il suo corso con una rinnovata energia, scandita anche dagli ingenti lavori di restyling e adeguamento funzionale iniziati alla vigilia della pandemia, realizzati dallo studio AMAA che si è occupato del progetto di restauro, realizzando ambienti di grande fascino, dove fare ricerca, esporre, incontrarsi e persino abitarci. 

A inaugurare la nuova stagione di Atipografia – in una logica di continuità con la sua stessa storia - sarà una mostra voluta e prodotta dall’Associazione con un intervento d’arte appositamente pensato di Arcangelo Sassolino, intitolato “Il vuoto oltre misura”. La mostra avrà un testo in catalogo di Ilaria Bernardi.  

Con la partecipazione di Arcangelo Sassolino, Atipografia conferma il proprio speciale legame con il territorio e la volontà di dare concretezza a una proiezione internazionale. Le macchine immaginifiche di Sassolino potranno riverberarsi negli spazi che per un lungo tempo hanno ospitato una riconosciuta tipografia (da qui il nome) avviata dal trisnonno di Elena Dal Molin. Una storia dalle radici antiche, industriali e culturali assieme.
 
Come spiega Elena Dal Molin, «tipografia richiama il mondo della stampa, della parola scritta. L'aggiunta dell'alfa privativo - oltre al fatto che non è più una tipografia - rappresenta anche qualcosa che si racconta, qualcosa che deve essere ancora scritto. Qualcosa che si sta compiendo, che è fluido, che sta avvenendo ora. Per questo lo spazio si pone come un luogo dove venire e anche restare».
 
Le attività della Galleria prenderanno avvio da settembre.

[Immagine: Atipografia, ph. Luca Peruzzi, Courtesy Atipografia

TAG: atipografia, artecontemporanea, contemporaryart, arte, art, arzignano, vicenza

Belmond. Mitico

Per la stagione 2022, Belmond ha avviato una collaborazione con una delle più importanti gallerie di arte contemporanea a livello internazionale, Galleria Contin... Leggi Tutto

Carlo Levi e Pasolini: una idea di realtà. Il magistero perlopiù inesplorato di Carlo Levi nella nostra narrativa

Il giorno 25 maggio 2022 alle ore 18.00, la Fondazione Carlo Levi presenta, negli spazi della Casa delle Letterature, la Tavola rotonda Carlo Levi e Pasolini: una idea ... Leggi Tutto

Andrea Emiliani. Un brillante futuro alle spalle. Patrimonio, territorio e alta formazione artistica

Martedì 10 maggio 2022 alle ore 18, l'ISIA di Faenza ha il piacere di ospitare la conferenza Andrea Emiliani. Un brillante futuro alle spalle. Patrimonio, territ... Leggi Tutto

Vedi tutti (174)

Contatti

ogni incontro, ogni scontro, ogni tipo di approccio con la creatività ha il potere di generare, di creare qualcosa. E' un'inclinazione all'originalità, alla novità, al cambiamento. Questo spazio, questo progetto, dà impulso alla condivisione della creatività.
Per condividere creazioni, idee, progetti scrivere a: staff@corpoacorpo.org o compilare il modulo seguente