Stefano Boccalini

Un incrocio di conoscenze di Adelina von Fürstenberg

Stefano Boccalini è un artista concettuale ma nella sua ricerca i concetti o le idee non hanno la precedenza sulle preoccupazioni estetiche, tecniche e materiali come accadeva per i primi artisti concettuali, quale ad esempio Sol LeWitt che scriveva:  "Nell'Arte Concettuale l'idea o il concetto è l'aspetto più importante del lavoro. Quando un artista utilizza una forma d'arte concettuale, significa che tutta la pianificazione e le decisioni vengono prese in anticipo e l'esecuzione è una faccenda superficiale" (1967, p. 80).

L'esecuzione del lavoro di Boccalini non è una questione da poco; le opere non sono fabbricate semplicemente seguendo istruzioni date a priori ma sono eseguite dall'artista stesso insieme agli artigiani, coinvolti in uno scambio di sapere fra la poetica del lavoro e la tradizione  artigianale, incorporandone le conoscenze nella pratica artistica e pedagogica. In questo, Boccalini si inserisce appieno nella tradizione dell'Arte Povera, un'arte che non interpreta ma semplicemente percepisce il fluire della vita e dell'ambiente,  utilizzando materiali fino ad allora mai considerati e ponendo la propria attenzione non tanto sull'opera d'arte quanto invece sul processo di creazione stesso.

Il linguaggio è il protagonista del progetto La Ragione nelle mani, sebbene l'utilizzo della parola sia già stato sperimentato nel corso delle ricerche artistiche del XX° secolo, come è avvenuto durante gli anni Sessanta nell’ambito dell'arte concettuale, per esempio con artisti come Ed Ruscha o Giovanni Anselmo. Nel lavoro di Boccalini, tuttavia, attraverso la ricerca e la scelta delle parole intraducibili, egli crea una biodiversità di concetti provenienti da minoranze linguistiche. Le opere derivano esclusivamente dall'importanza del significato della parola impiegata mentre il materiale e i mezzi artigianali con cui sono eseguite giocano un ruolo cruciale.

Dono (2017) è una delle prime parole di Boccalini realizzate con la tecnica dell'intreccio del legno di nocciolo, usata per fabbricare cestini da un esperto artigiano della Valle. È l'inizio di una storia basata sulle affinità e sugli scambi tra l'artista e gli artigiani della Valle Camonica. In questo luogo i saperi s'incrociano attorno a una serie di lavori, attraversando uno spazio antropologico, definito dall'esperienza umana, a favore dello sviluppo culturale del territorio e dell’apprendimento reciproco.

In questi anni, la Valle Camonica e il paese di Monno hanno offerto all'artista un laboratorio ideale per ridefinire il rapporto tra arte e artigianato. In questo luogo Boccalini ha creato, insieme alla Comunità Montana e al Comune di Monno, un programma più specifico e duraturo: Ca'Mon, un centro per l'arte e l'artigianato della montagna, un luogo di ricerca e sperimentazione che, a partire da una condizione locale, vuole aprirsi ad una dimensione internazionale attraverso residenze e laboratori, allo scopo di rinvigorire una filosofia sociale in cui materia e spirito si intrecciano. Il progetto nasce sulla base di una convinzione costruttiva che identifica nella tradizione artigianale della Valle Camonica il punto di origine per un'esperienza estetica veritiera. È quel tipo di esperienza che già gli artisti della Bauhaus ricercavano quando nel lontano 1919 Walter Gropius, volendo portare l'arte a dialogare con l'estetica artigianale, sottolineava nel manifesto inaugurale del Bauhaus: "Architetti, scultori, pittori, dobbiamo tornare all'artigianato!".

"Il funzionalismo razionale è tecnica. Il funzionalismo irrazionale è arte (..)", scrive Joseph Albers (1937) per mettere l'accento esattamente su questo incrocio di conoscenze. Così per Boccalini l'arte si manifesta attraverso la consapevolezza, i concetti e le emozioni, mentre gli artigiani della Valle Camonica, con la loro tecnica e il loro savoir faire secolare, ricamano, intagliano, tessono e intrecciano le parole intraducibili dell'artista, rivelando così la ragione che vive nelle loro mani.

Bibliografia:
- Albers,  Josef, 1937, Truthfulness in Art, conferenza presso la Harvard University Graduate School of Design, Cambridge, Mass., 11 dicembre.
- LeWitt,  Sol, 1967, "Paragraphs on Conceptual Art", in Artforum,  vol. 5, no. 10, Summer.

[Immagine: ricamo e carta]

TAG: stefanoboccalini, laragionenellemani, artistaconcettuale, arteconcettuale, artista, vallecamonica, camon, arte, art

Davide Maria Coltro

Davide Maria Coltro, nato a Verona nel 1967, vive a Milano. La sua ricerca artistica è rivolta all'utilizzo delle tecnologie di massa con inedite architetture ch... Leggi Tutto

Maria Donata Papadia

Maria Donata Papadia laureata all’Accademia di Belle Arti di Ravenna, inizia il suo percorso artistico collaborando col Teatro Due Mondi, occupandosi delle scenog... Leggi Tutto

Simone Gori

Simone Gori (Firenze, 1986), architetto e designer per formazione, si è avvicinato giovanissimo all'arte. Interessato al dialogo tra arte, luoghi e persone, fa u... Leggi Tutto

Vedi tutti (118)

Contatti

ogni incontro, ogni scontro, ogni tipo di approccio con la creatività ha il potere di generare, di creare qualcosa. E' un'inclinazione all'originalità, alla novità, al cambiamento. Questo spazio, questo progetto, dà impulso alla condivisione della creatività.
Per condividere creazioni, idee, progetti scrivere a: staff@corpoacorpo.org o compilare il modulo seguente