Giovanni Gaggia. Quello che doveva accadere

L'opera di Giovanni Gaggia al Museo Tattile Statale Omero

Quarantanni dopo la strage di Ustica, l'arazzo realizzato da Giovanni Gaggia (1977) trasforma l'azione artistica in un atto di meditazione rivelandosi un percorso intimo che procede nella lentezza e nella processualità del ricamo. L'arte si mette al servizio della memoria e dell'impegno civile raccontando emozioni, vite, storie, voci e umanizzando il ricordo della tragedia di Ustica. Quello che doveva accadere, accolta dallo spazio '900 e Contemporaneo del Museo Omero in occasione di una mostra curata da Stefano Verri, è corredato da contributi sonori con il supporto di personaggi attivi nel mondo della cultura e dell'arte con cui approfondire il rapporto tra memoria e arte.

TAG: museoomero, giovannigaggia, quellochedovevaaccadere, ustica, stragediustica, meditazione, arte, ricamo, memoria, impegnocivile, tragedia, art

dal 27 dicembre 2020 al 15 gennaio 2021

Online

Davide Maria Coltro

Davide Maria Coltro, nato a Verona nel 1967, vive a Milano. La sua ricerca artistica è rivolta all'utilizzo delle tecnologie di massa con inedite architetture ch... Leggi Tutto

Maria Donata Papadia

Maria Donata Papadia laureata all’Accademia di Belle Arti di Ravenna, inizia il suo percorso artistico collaborando col Teatro Due Mondi, occupandosi delle scenog... Leggi Tutto

Simone Gori

Simone Gori (Firenze, 1986), architetto e designer per formazione, si è avvicinato giovanissimo all'arte. Interessato al dialogo tra arte, luoghi e persone, fa u... Leggi Tutto

Vedi tutti (118)

Contatti

ogni incontro, ogni scontro, ogni tipo di approccio con la creatività ha il potere di generare, di creare qualcosa. E' un'inclinazione all'originalità, alla novità, al cambiamento. Questo spazio, questo progetto, dà impulso alla condivisione della creatività.
Per condividere creazioni, idee, progetti scrivere a: staff@corpoacorpo.org o compilare il modulo seguente