Giovanni Gaggia. Quello che doveva accadere

L'opera di Giovanni Gaggia al Museo Tattile Statale Omero

Quarantanni dopo la strage di Ustica, l'arazzo realizzato da Giovanni Gaggia (1977) trasforma l'azione artistica in un atto di meditazione rivelandosi un percorso intimo che procede nella lentezza e nella processualità del ricamo. L'arte si mette al servizio della memoria e dell'impegno civile raccontando emozioni, vite, storie, voci e umanizzando il ricordo della tragedia di Ustica. Quello che doveva accadere, accolta dallo spazio '900 e Contemporaneo del Museo Omero in occasione di una mostra curata da Stefano Verri, è corredato da contributi sonori con il supporto di personaggi attivi nel mondo della cultura e dell'arte con cui approfondire il rapporto tra memoria e arte.

TAG: museoomero, giovannigaggia, quellochedovevaaccadere, ustica, stragediustica, meditazione, arte, ricamo, memoria, impegnocivile, tragedia, art

dal 27 dicembre 2020 al 15 gennaio 2021

Online

Luca Freschi

Luca Freschi è nato a Forlimpopoli (FC) nel 1982. Si è laureato presso l'Accademia di Belle Arti di Bologna, sezione Pittura. In questi anni di lavoro ha ... Leggi Tutto

Giulia Spernazza

Giulia Spernazza è nata a Roma nel 1979. Dopo aver conseguito il diploma di Liceo Artistico, nel 2008 si laurea in Decorazione all’Accademia di Belle Arti ... Leggi Tutto

Armando Fettolini

Armando Fettolini è nato a Milano nel 1960. La passione per la pittura lo accompagna fin dall’infanzia, tanto che già a quindici anni viene preso a ... Leggi Tutto

Vedi tutti (153)

Contatti

ogni incontro, ogni scontro, ogni tipo di approccio con la creatività ha il potere di generare, di creare qualcosa. E' un'inclinazione all'originalità, alla novità, al cambiamento. Questo spazio, questo progetto, dà impulso alla condivisione della creatività.
Per condividere creazioni, idee, progetti scrivere a: staff@corpoacorpo.org o compilare il modulo seguente