Antonella De Sarno è un’attrice-performer e artista visiva che esplora il movimento e le sue potenzialità sceniche ed espressive attraverso il lingu..." />

Antonella De Sarno

L'artista Antonella De Sarno

Antonella De Sarno è un’attrice-performer e artista visiva che esplora il movimento e le sue potenzialità sceniche ed espressive attraverso il linguaggio performativo e le arti visive.
Di origine emiliana, vive nella regione parigina dove si è stabilita per terminare gli studi universitari e artistici.
Nel 2002 incontra Pippo Delbono con cui inizia una formazione teatrale e approfondisce la sua visione delle arti performative. Nel 2008 entra a far parte della sua compagnia con cui lavora per quattro anni.
Arricchisce la sua formazione studiando danza contemporanea e tecniche somatiche e si forma in Danza Sensibile ottenendo la certificazione d’insegnante nel 2008. Negli stessi anni il suo lavoro di artista visiva s’orienta verso un approccio più corporeo e sensoriale.
Dal 2010 conduce dei laboratori e dei seminari esperienziali rivolti a diversi tipi di pubblico orientandoli verso la ricerca sui temi che esplora nelle sue opere visive e performative.
Come autrice e interprete crea due spettacoli teatrali insieme a Roberto De Sarno: Onora il padre e la madre (2012) e Non mentire (2018).
Dal 2016 si dedica in modo più specifico alle arti visive e lavora al Trittico This Brief Tragedy of Flesh, dispositivo che si declina in performances, installazioni e opere visive prodotte in Italia e in Francia.
Dallo stesso anno è artista in residenza a Les Deux Iles Résidence pour artistes a Montbazon (Francia).
Le opere di Antonella De Sarno sono state presentate come performances in situ o mostre (video-performance, installazioni, disegni e lavori pittorici) presso The Room Contemporary art Space e al Palazzo Albrizzi-Capello a Venezia (2020), N.U.N.C. a Castiglion Fiorentino (Arezzo, 2019), Galleria d’arte contemporanea di Palazzo Ducale di Pavullo nel Frignano (Modena, 2017), Sottovento a Pavia (2016) e Pangea a Padova (2015).
L’installazione Faces from the dark è tra le opere segnalate dalla giuria e pubblicate nel catalogo del Premio Combat 2020. Nel 2021 è la video-installazione Nebula ad esser segnalata dalla giuria dello stesso premio e ad entrare nel catalogo.

Risorse: info sulla mostra Antonella De Sarno. Artificialia qui.

[Immagine: Antonella De Sarno, dalla Serie Envol #4, tecnica mista su carta, opera spillata in scatola entomologica, cm. 39x52. Ph. Andras Solymos]


TAG: antonelladesarno, artista, artist, arte, art

Davide Maria Coltro

Davide Maria Coltro, nato a Verona nel 1967, vive a Milano. La sua ricerca artistica è rivolta all'utilizzo delle tecnologie di massa con inedite architetture ch... Leggi Tutto

Maria Donata Papadia

Maria Donata Papadia laureata all’Accademia di Belle Arti di Ravenna, inizia il suo percorso artistico collaborando col Teatro Due Mondi, occupandosi delle scenog... Leggi Tutto

Simone Gori

Simone Gori (Firenze, 1986), architetto e designer per formazione, si è avvicinato giovanissimo all'arte. Interessato al dialogo tra arte, luoghi e persone, fa u... Leggi Tutto

Vedi tutti (118)

Contatti

ogni incontro, ogni scontro, ogni tipo di approccio con la creatività ha il potere di generare, di creare qualcosa. E' un'inclinazione all'originalità, alla novità, al cambiamento. Questo spazio, questo progetto, dà impulso alla condivisione della creatività.
Per condividere creazioni, idee, progetti scrivere a: staff@corpoacorpo.org o compilare il modulo seguente